Kamarina

Kamarina

La colonia di Camarina fu fondata dai siracusani nel 598 a.C. sulla costa meridionale della Sicilia su un promontorio limitato a nord e a sud rispettivamente dal basso corso dei fiumi Ippari e Oanis; il versante occidentale si protende sul mare mediante una ripida falesia impostata su conglomerati e sabbie pleistoceniche poggianti su trubi che ne costituiscono la base poco sotto l'attuale livello del mare. E' stata questa situazione che ha creato fin dai primi decenni di vita della città problemi di instabilità della falesia che gli antichi greci tentarono di fronteggiare mediante la messa in opera di barriere frangionde, da poco scoperte in mare aperto. L'abbandono della città nella tarda età romana e il colmamento del bacino portuale ubicato nel tratto terminale del fiume Ippari, secondo il sistema del porto canale, hanno arrestato in parte, con l’aumento della spiaggia, il problema. Oltre ai fenomeni generali di erosione, questa sembra essere stata accelerata dalla recente costruzione del porto di Scoglitti ; nei primi decenni del XIX secolo, una commissione di inchiesta del Regno di Napoli ne aveva sconsigliato la costruzione temendo proprio i fenomeni ora in atto. Il problema coinvolge ora anche il lato meridionale delle mura e la torre di età ellenistica costruita a guardia di una porta.

Tutto il complesso viene sottoposto alle frequenti mareggiate invernali che hanno scavato un evidente solco di battente al di sotto delle mura, con pericolo di crollo imminente di tutta questa parte del sistema difensivo della città antica. Nel XIV secolo d.C., sul settore più vicino al porto, fu edificata, a spese di analoghe strutture greche esistenti in posto, una torre di guardia alle strutture portuali che ancora sopravvivevano. Le scadenti caratteristiche tecniche dei terreni che formano la falesia sono fra le cause che ne provocarono, insieme ad altre strutture monumentali di età greca sul terrazzo dell’acropoli, il crollo totale nel 1915. Alle caratteristiche tecniche si sommano oggi fenomeni veloci di erosione costiera che hanno portato di nuovo il mare a contatto con la falesia. Ne sono già state coinvolte le mura della città antica, frammenti delle quali si trovano ora sia lungo la battigia sia in mare aperto. fonte Soprintendenza ai BB.CC.AA di Ragusa , Museo di Camarina, Casella Postale aperta, Scoglitti , Vittoria (Ragusa )

GALLERIA

Fotografie di Kamarina

POZZALLO - ISPICA SANTA MARIA DEL FOCALLO - BANDIERA BLU SICILIA 2016

Case Vacanze

Copyright (c) - L'art. 6 della legge 633/41 stabilisce che ogni opera appartiene, moralmente ed economicamente, a chi l'ha creata e pertanto nessuno potrà disporne (tanto a scopo di lucro, quanto per uso personale) senza l'esplicito consenso dello stesso autore. Pertanto foto e testi di questo sito internet sono di proprietà dell'autore, tranne per quanto esplicitamente citato ed autorizzato.

Chiedilo al Webmaster del portale - (c) Realizzato da Computers & Multimedia

Condizioni d’utilizzo.


Trovaci su Google+
Google