oasi-Pantalica

oasi-Pantalica

Costruita da popolazioni insediate in Sicilia prima dell'arrivo dei Greci, è la più grande necropoli del bacino del Mediterraneo.

Oltre 5000 tombe a grotticelle artificiali, scavate in profondi costoni rocciosi la rendono simile a un favo di api.

Le tombe sono divise in cinque gruppi da assegnare essenzialmente a due dei quattro periodi nei quali si suole dividere la tarda età del bronzo. L'unica testimonianza di costruzione non rupestre del complesso è data dai resti dell'Anaktoron, probabilmente una reggia fortificata.

L'altopiano ibleo, l'area interna e montana della provincia di Siracusa, morfologicamente roccioso, segnato da profonde incisioni nel calcare, le cave, è caratterizzato dalla presenza millenaria dell'opera dell'uomo che nel corso del tempo vi ha lasciato segni sorprendenti di civiltà diverse, talvolta antichissime.

Pantalica, insediamento pre-greco durato 2000 anni, ha avuto una fase bizantina durante la quale è stata luogo di culto ed insediamento urbano. Di quest'ultimo periodo restano tre quartieri e le relative chiese rupestri.

La presenza araba segna la fine della civiltà di Pantalica, da allora essa sarà conosciuta solo come città dei morti.

GALLERIA

Fotografie di oasi-Pantalica

POZZALLO - ISPICA SANTA MARIA DEL FOCALLO - BANDIERA BLU SICILIA 2016

Case Vacanze

Copyright (c) - L'art. 6 della legge 633/41 stabilisce che ogni opera appartiene, moralmente ed economicamente, a chi l'ha creata e pertanto nessuno potrà disporne (tanto a scopo di lucro, quanto per uso personale) senza l'esplicito consenso dello stesso autore. Pertanto foto e testi di questo sito internet sono di proprietà dell'autore, tranne per quanto esplicitamente citato ed autorizzato.

Chiedilo al Webmaster del portale - (c) Realizzato da Computers & Multimedia

Condizioni d’utilizzo.


Trovaci su Google+
Google